Verificato
Li Abbiati .jpg
Biografia
Li Giada Abbiati nasce a Milano il 16-11-1975, dove si diploma in scenografia all’Accademia di Belle Arti.
Da sempre interessata all’arte e al disegno, spaziando dall’illustrazione al fumetto, passando dalla pittura alla scultura.
Frequenta la scuola di disegno dell’Illustratore Ettore Maiotti.
Realizza le illustrazioni per il catalogo Illy-Caffè.
Crea bozzetti per lo studio Joylab, progettazione eventi.
Promuove per la Colart  vari materiali artistici, utilizzando l’acrilico, l’olio e l’acquarello.
Partecipa con il video “frammenti” alla rassegna  cinematografica “Video Zero” organizzata da Francesco Ballo.
Concepisce la scenografia dello spettacolo Cercando Godot, regia di Mario Migliara.
Disegna le illustrazioni della campagna pubblicitaria per la Microsoft.
Realizza sculture in polistirolo con Guido Buganza  per lo spettacolo “Orco loco”.
Produzione Teatro Franco Parenti a Milano.
Dopo le esperienze di teatro e scenografia prosegue il suo percorso artistico individuando una propria ricerca di stile e tematiche.
Partecipa alla collettiva  “Ombre senza corpi”  mostra di artisti promossa da NHNC, No Human no cry.
A Catania realizza il primo evento artistico.
Dall’incontro con l’artista Alessandro Arena progetta un evento video-musicale.
Le immagini digitalizzate dei quadri, proiettate su tele bianche, interagiscono con la musica composta ed eseguita dal vivo, serata al Centro Culturale Zo a Catania, evento promosso dal Teatro di Marsiglia.
Dall’esperienza di Catania concepisce le sue nuove mostre/evento/sonore aprendosi alla collaborazione con altre arti.
Disponibilità opere

Sei interessato alle mie opere? Puoi chiamare il numero sopra indicato o scrivermi cliccando sul bottone “contattami” qui sotto adesso.

Trottico 40x150 carboncino su tela 3 mesi fa di Li
Dal basso 22x210 olio su legno 3 mesi fa di Li
big-boom 22x210 olio su legno 3 mesi fa di Li
blade 100x100 olio su tela 3 mesi fa di Li
autovie.200x200 olio su tela 3 mesi fa di Li
vortice.130x90 olio su legno 3 mesi fa di Li
Li Abbiati .jpg 3 mesi fa
Trittico 2013 40x120 carboncino su tela 3 mesi fa
Mostro 8 risultati
Partecipazioni ad eventi

Personali:

Frammenti urbani – Paralleli
I paesaggi metropolitani dipinti da Li Abbiati sono caratterizzati da una forte componente irrazionale.
I quadri sia esposti che proiettati si fondono con le ricercate sfumature musicali dei Figli di Diapa, alle prese con la sperimentazione elettronica.
I grattacieli sono descritti da linee rette e spezzate, a moduli rettangolari, che si fanno gioco delle forme razionaliste, generando strutture impossibili che si chiamano e si respingono.
La visione si moltiplica attraverso un video dove un soggetto, sempre latente, plana sopra quegli spazi urbani, scoprendone nuove prospettive.
In un panorama di angoli retti e linee parallele protese senza un fine, le uniche curve che ricordano l’esistenza della natura sono quelle delle nuvole, che dall’alto non mancano di suggerire una via alternativa, dove l’irrazionale muta in una fantastica possibilità di cambiamento.
La tensione sonora creata dall’ambientazione straniante e dall’imprevedibile componente ludica, amplifica il gioco di frammentazione dei piani e di fuga dal reale nella sinergia tra linguaggio pittorico, video e musicale.

Pim Spazio scenico
Milano, Giugno 2008.

Paralleli
Da sempre l’architettura sottende una concezione della vita in relazione allo spazio. Un edificio è capace di comunicare, attraverso la forma che lo caratterizza, che tipo di vita conduca l’individuo che lo abita.

I paesaggi metropolitani di Li Abbiati ci sfidano proprio a questo tipo di congetture nei confronti di cittadini invisibili, la cui esistenza latente informa di sè il mondo circostante.

Spazio Sirin
Milano, Giugno 2009.

Riflessi
Il Bitte ospita il nuovo evento artistico performativo dell’artista che elegge il paesaggio urbano a proprio soggetto principe, all’insegna della sperimentazione e della commistione di differenti linguaggi: dalla pittura alla scultura, dal video all’installazione, dalla performance alla musica.
La ricerca pittorica di Li Abbiati, intraprende un percorso di astrazione formale, frammentando progressivamente il panorama metropolitano in elementi sempre più evocativi.
Concepisce il percorso attraverso un’installazione interattiva che porta lo spettatore al centro di una città trasfigurata, accompagnata nel viaggio della sperimentazione musicale elettronica dei musicisti Figli di Diapa che creano ambienti sonori, dove ci si può ritrovare oppure perdersi in una dimensione straniante.

Bitte
Milano, dal 16 al 20 dicembre 2009.

Cataloghi realizzati

Elenco in fase di realizzazione

Nome*
E-mail*
Website
Messaggio*