Artisti

Ciao Giovanni,

Giovanni Papa o Papa Giovanni, così come ironizzavi sempre sul tuo nome impegnativo da esibire… e per aggiungere imbarazzo all’imbarazzo chiedevi “ma sai dove abito? Abito in via Chiesa ”, e lì scoppiavano irrefrenabili quelle risate incredule che ti piacevano tanto!

Ci è rimasto il ricordo indelebile del tuo viso luminoso, quel sorriso aperto e coinvolgente che abbracciava tutti oltre a quella infinita bellezza interiore, la tua grande discrezione e la delicatezza con le quali affrontavi ogni situazione.

Non ti è mancata di certo la sofferenza nella vita e, nonostante fosse stata così profonda, non hai mai fatto pesare a nessuno il tuo patire, quel sorriso luminoso non si è mai spento.

A noi che restiamo lasci anche la testimonianza della tua passione più grande: l’Arte!

Passione della quale ti nutrivi a piene mani e con la quale esternavi sogni ed emozioni che offrivano a tutti noi la possibilità di volare con te in quel mondo onirico pieno di pace e serenità, proprio come quello in cui sei sicuramente oggi.

Il tuo cammino di ricerca nel mondo dell’incisione è stato davvero immenso, non avevi bisogno di strumenti o materiali particolari o pregiati, le tue mani riuscivano a incidere ovunque e con qualunque strumento fino ad estrapolare, anche dai materiali più poveri, veri capolavori che parlavano da soli! Solo una grande sensibilità e una incontenibile passione possono portare a tutto ciò.

Te ne sei andato repentinamente, nel silenzio e con la discrezione di chi non vuole creare disagi, quasi che da lassù avessero letto e ascoltato il tuo pensiero. Ora sei di nuovo accanto a quella donna tanto amata con la quale hai condiviso una vita e hai creato la tua famiglia, quella donna che a lungo hai assistito con amore.

Grazie Giovanni per ciò che sei stato, per quanto ci hai donato e per il tuo esempio che resterà per sempre nel cuore di chi ti ha conosciuto, sarai ancora con noi anche attraverso le tue opere che parlano così bene del tuo animo nobile e della tua passione per l’arte così autentica e grande nella sua disarmante semplicità.

4 gennaio 2022

Manuela Codazzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenti sul post