Evento

L’Associazione Culturale Parentesi e Spazio Lavit di Varese hanno offerto al pubblico presente un’altra interessantissima serata tutta dedicata alle “Donne di Leonardo”.
A parlare dell’interessante tema è stato invitato l’eclettico Alberto Moioli, storico dell’Arte e scrittore Lissonese.
Con grande maestria e conoscenza della materia e grazie ad un’ottima presentazione in Power Point, ci ha accompagnati in questo meraviglioso e fantastico viaggio artistico.
Sul lato sinistro del palco è stata posizionata, ben coperta da un lungo drappo rosso, il cavalletto con una tela di cui solo successivamente avremmo scoperto la provenienza e l’importanza.
Alberto Moioli ha inoltre raccontato alcuni aneddoti della vita, sia personale che artistica del geniale Leonardo, che hanno aperto ai presenti tanti interrogativi.
Moioli ha voluto poi sottolineare anche l’importanza del salvaguardare la nostra storia, la nostra cultura e di quanto sia importante far iniziare il percorso dello studio e della conoscenza della nostra storia sin da piccoli, dalla scuola elementare.
Dopo più di un’ora di interessante racconto la serata ha riservato ai tanti presenti una simpatica sorpresa: La Gioconda.
Alberto Lavit ha infatti rimosso, con tanta delicatezza, il drappo rosso che fino a quel momento teneva ben occultata la tela che sembra risalire al 1700.
La tela, che raffigura appunto La Gioconda, è stata gentilmente messa a disposizione da parte di un collezionista privato.
Un momento davvero particolare, gradito, che ha visto la conclusione della interessantissima conferenza con i tantissimi e calorosissimi applausi del pubblico.
Ancora una volta l’Associazione Culturale Parentesi e l’instancabile Alberto Lavit, titolare delloSpazio Lavit, hanno regalato alla città di Varese un prezioso momento di cultura.
Ci permettiamo di fare un accorato appello: fate la vostra iscrizione alle associazioni culturali perché sono una preziosa risorsa per tutti noi.

Un sentito grazie per questo prezioso momento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Commenta