Evento

Cosa c’entra Raffaello con la Musica…?

La domanda sorge spontanea a chi legge il suo nome vicino a quello di Beethoven nel titolo di un Concerto dedicato ai loro anniversari.
Se infatti la presenza del compositore tedesco è pertinente alla circostanza, quella del pittore cinquecentesco lo è un po’ meno…
Qualunque tipo di perplessità viene egregiamente fugata da MASSIMO RAVAZZIN, compositore milanese già consulente musicale della RAI, con il suo Concertato su “Arboro son”, composizione strumentale che in prima esecuzione assoluta intende celebrare Raffaello proprio nel 500° anniversario della sua morte.

Ispirato ad una lirica di Isabella d’Este in cui è riproposta la famosa metafora di Dante nella Divina Commedia della tristezza dell’albero che perde le sue foglie, il pregevole brano si snoda tra sonorità modali, echi di melodie arcaiche intessute a dissonanze inattese, ritmi di danza popolare e temi squisitamente colti in alternanza giocosi e di immediata godibilità; per Flauto, Oboe, Viola, Violoncello e Archi, il Concertato su “Arboro son” è un brano che conquista le emozioni e la mente sin dal primo ascolto, evento assai raro nella produzione musicale contemporanea, e pervade l’anima di atmosfere auree di tempi lontani.

Raffaello conobbe certamente Isabella d’Este durante i frequenti spostamenti dovuti anche al suo generoso mecenatismo ed ebbe sicuramente modo di ascoltare la sua bellissima lirica la cui melodia, dalla quale è tratto il Concertato, ha una attribuzione anonima.
Onore quindi a MASSIMO RAVAZZIN per aver pensato ed essere riuscito perfettamente a realizzare una sintesi ideale tra il mondo della Musica e quello dell’Arte figurativa con un’Opera musicale ispirata a Raffaello e al suo tempo attraverso la raffinata e incantevole rielaborazione di una caratteristica lirica rinascimentale di nobile rango!

E’ possibile vedere il video dell’intero concerto “Beethoven e Raffaello” sul canale YouTube di ArtistaOnLine.
Dal minuto 44 potete vedere il video della composizione del M° Massimo Ravazzin.
Per avviare il video cliccare sul bottone rosso con freccia bianca.
Buon ascolto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenti sul post