BeneficenzaSogni

I sogni sono parte integrante, per fortuna, dell’universo che è in ognuno di noi, ci illuminano la quotidianità, ci fanno vedere la luce all’orizzonte, ci riempiono di vita così tanto da poter offrire benefici anche agli altri. Guai se non ci fossero i Sogni! Ma i più belli sono proprio quelli che non hanno effetto boomerang, che non tornano a beneficio di noi stessi, ma che sprigionano ancora più energia proprio perché rivolti ad altri, non importa se si tratta di progetti grandi o piccoli, ci fanno sentire giganti, capaci di combattere la sofferenza e il disagio di tanti esseri umani come noi, più sfortunati di noi!

Sono le voci dei più indifesi quelle che ci avvolgono e ci spingono ad agire.

È questa l’energia pura, che va al di là di ogni credo religioso, che anima la voglia di fare e spinge i più motivati ad agire in modo caparbio e sempre più determinato.

È una voce che chiama spesso ognuno di noi ma è difficile da raccogliere perché è molto scomoda e contro tendenza nella società in cui viviamo.

L’importante è vivere le azioni che siamo spinti a fare, non come autocelebrazione di noi stessi, ma semplicemente come dovere e rispetto verso la Vita.

Penso che tutto questo possa far parte dello spirito che anima il progetto ” I sogni sono universali, le opportunità no”. Lo slogan, sintetico ma molto significativo e realistico, ben rappresenta la concretezza dei promotori che nonostante tante difficoltà stanno portando avanti questo ambizioso progetto.

È un progetto contro tendenza in un momento in cui tutto l’interesse sembra essere rivolto a indirizzare le risorse, fisiche ed economiche, sul nostro territorio in forma di semplice assistenza agli immigrati e con la ricaduta di conosciute problematiche emergenti in merito alla dubbia trasparenza delle operazioni.

Non sembra interessare a molti andare al cuore del problema e agire per fornire un aiuto mirato alle popolazioni indigenti dell’Africa.

Non bastano semplici interventi assistenziali per risolvere i problemi ma si rende necessario individuarne le cause e accompagnare queste popolazioni, sul loro territorio, a migliorare la loro qualità di vita intervenendo sull’igiene e sullo sviluppo di quella sterile economia che ora non offre loro alcuna garanzia per la sopravvivenza. Non è necessario strapparli dalla loro terra o metterli in condizione di andarsene.

Questo progetto richiede indubbiamente molti fondi ed è per questo motivo che un collezionista varesino ha deciso di alienare la sua collezione d’arte finalizzando il ricavato alla costruzione di pozzi per la raccolta delle acque e per promuovere iniziative rivolte alla produzione di cibo: piccoli allevamenti, granaglie, ortaggi, frutta, latte e derivati.

Non ci sono intermediari se non la collaborazione con l’Associazione “Come noi” (www.comenoi.org) che opera da cinquant’anni a favore dei paesi bisognosi dell’Africa e che si occupa direttamente della costruzione dei pozzi e dei prodotti alimentari.

Chi vorrà collaborare al progetto sarà tenuto costantemente aggiornato sulla realizzazione delle opere che sarà possibile visionare in loco.

Le opere d’arte in vendita sono visionabili sul sito www.sogni.flipon.it

info: 335 6001082 – 347 8806125 -339 2992228

Ascolta la Voce dei tuoi sogni!

Manuela Codazzi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenti sul post